salta la navigazione

Far appassionare gli studenti alla matematica è un compito che intimorisce.

Eppure, con alcuni mouse programmabili e cartoline numerate, l'insegnante di matematica Joshua Palsky ha fatto proprio questo: i suoi studenti si sono impegnati con i loro gruppi a risolvere problemi matematici, programmando i loro mouse per spostarsi sulla cartolina numerata corretta. 

Ogni numero sulla carta rappresentava una possibile risposta a una domanda, lasciando che gli studenti rispondessero ai problemi matematici e poi programmassero il loro mouse per correre verso la risposta corretta prima delle altre squadre. 

Palsky ha dato agli studenti il tempo di osservare il funzionamento dei mouse e di testare le funzioni di programmazione. Una volta che gli studenti si sono sentiti a proprio agio con la programmazione, ha proposto dei problemi matematici sulla lavagna. Gli studenti li hanno risolti in gruppo, si sono affrettati a programmare i loro topi robotici per muoversi verso una carta numerata e hanno assistito alla corsa dei topi, sperando di essere corretti e di essere i primi a finire.

Palsky ha raccontato che uno studente ha perso il compito precedente e ha chiesto di lavorare sul foglio di lavoro precedente con problemi simili a quelli che gli studenti stavano risolvendo con i loro mouse programmabili, oltre a lavorare con un gruppo di programmazione. Lo studente ha avuto difficoltà con il foglio di lavoro, ma non con i problemi del compito di programmazione. Con sorpresa dello studente, il compito è risultato facile e le domande meno impegnative quando sono state applicate a uno scenario più immediato.

"Non capisco, non riesco a farli sul foglio di lavoro, ma non appena risolvo i problemi per programmare i topi, riesco a farli", ha detto lo studente.

Joshua Palsky ritiene che inquadrare la matematica in scenari reali sia uno strumento prezioso per il coinvolgimento. "Facciamo ancora molti fogli di lavoro come necessario, ma far uscire gli studenti dai fogli di lavoro fa una differenza enorme nell'apprendimento".

Palsky spera di implementare maggiormente la programmazione e la tecnologia nelle sue future lezioni di matematica.

"Per quanto gli studenti siano attaccati ai loro telefoni, non sanno come usare la tecnologia in modo significativo. Non vogliono fare un apprendimento basato sull'indagine, naturalmente, ma se metti un giocattolo, come lo vedono loro, davanti a loro, si animano. Hanno fatto domande".

I robot sono stati un regalo del direttore dell'Apprendimento innovativo del nostro distretto, Suzy Cox. 

"Suzy Cox era la mia professoressa alla Utah Valley University. Ho visto che era entrata a far parte del nostro distretto e ho dovuto contattarla".

Essendo una Provoite di lunga data, conosce gli studenti, gli insegnanti in arrivo e il personale del distretto dal momento che è stata professoressa presso la School of Education della Utah Valley University. I due hanno parlato e si sono posti l'obiettivo di far arrivare presto nelle sue mani più materiale tecnologico per l'insegnamento. 

Joshua Palsky sembrava entusiasta della prospettiva.

"Ogni giorno in cui possiamo giocare e imparare è un buon giorno".

Visiteremo la classe di Joshua Palsky per i prossimi articoli. Tenete d'occhio le prossime storie sull'Iniziativa di inclusione STEM per vedere come i percorsi STEM si stanno preparando per essere eseguiti in tutto il distretto e per vedere alcuni incredibili progetti degli studenti della Fiera STEM dell'anno scorso.

Spencer Tuinei
  • Specialista della comunicazione
  • Spencer Tuinei
0 Condivisioni

Oltre al Mese della Storia Nera, febbraio è un momento in cui il nostro distretto celebra la carriera e la tecnica...

it_ITItaliano