salta la navigazione

Alla scuola elementare di Edgemont, gli insegnanti stanno implementando nel loro programma di studi i progetti S.T.E.A.M (Science, Technology, Engineering, Art and Math) con una "mentalità di crescita". Venerdì, due classi di prima elementare hanno sperimentato questa esperienza progettando le proprie piante di fagioli!

La signorina Garner e la signora Amesse hanno iniziato il progetto discutendo i modi in cui i team possono risolvere i problemi e hanno sottolineato l'importanza di usare le capacità di pensiero critico per perseverare e sviluppare un nuovo piano.

Gli studenti sono stati quindi suddivisi in gruppi di cinque o sei e invitati a immaginare, progettare, creare e migliorare una pianta di fagioli che potesse reggere il peso senza crollare. Ogni gruppo ha designato un responsabile del progetto, un responsabile delle forniture e un incoraggiatore per gestire i diversi aspetti del progetto. I gruppi hanno lavorato insieme per osservare usando tutti i sensi, creare un'ipotesi, identificare una domanda che possa portare a un'indagine, progettare modi per testare le idee e condividere i progetti con i compagni per ottenere input e perfezionamenti.

Ogni gruppo ha abbozzato il proprio progetto e, utilizzando strumenti come rotoli di carta, nastro adesivo e libri, ha costruito la propria pianta di fagioli. Ogni pianta di fagioli è stata presentata alla classe ed è stata testata per vedere quanti libri poteva contenere. Un paio di fagioli sono riusciti a contenere 25 libri!

La mentalità della crescita è stata sviluppata e coniata da Carol Dweck, secondo la quale il cervello è più malleabile di quanto siamo stati portati a credere. Ricercatori come la dottoressa Dweck hanno iniziato a comprendere il legame tra mentalità e risultati, rendendosi conto che se si crede che il proprio cervello possa crescere, ci si comporta in modo diverso. Gli studi hanno dimostrato che quando gli studenti credono di poter diventare più intelligenti, sono disposti a dedicare più tempo e impegno. Quando si verifica questo passaggio, la motivazione e i risultati aumentano.

Anche gli insegnanti hanno un impatto sul modo in cui gli studenti reagiscono al fallimento. La signorina Garner e la signora Amesse incoraggiano gli studenti a cambiare il "non posso farlo" con un più positivo "non posso ancora farlo", che aiuta a passare da una mentalità fissa a una mentalità di crescita.

Alexia Diaz
  • Alexia Diaz
294 Condivisioni
it_ITItaliano