Vai al contenuto Vai al menu di traduzione
Sup con il Sup
Episodio 26: L'anziana del PHS Isabella Leite
Loading
/

Benvenuti a tutti alla prossima puntata del podcast "What's Up with the Sup" del Provo City School District. Sono il sovrintendente Wendy Dau. Questa settimana mi raggiunge Bella Leite, una studentessa dell'ultimo anno della Provo High School che da studentessa è diventata insegnante e ha sviluppato un programma di studi interamente in portoghese per educare gli adolescenti all'abuso di partner nelle relazioni di intimità.

Prima di ciò, esaminiamo i nostri aggiornamenti.

  • Innanzitutto, vogliamo ricordare che febbraio è il mese della storia nera e anche il mese dell'istruzione e della formazione professionale.
  • Lunedì 12 febbraio si terrà una riunione informativa per le famiglie che vivono nei pressi della costruzione della nuova Wasatch Elementary. L'incontro si terrà alle 17.00 nella biblioteca dell'attuale Wasatch Elementary School.
  • Unitevi a noi per la Giornata distrettuale della danza lunedì 12 febbraio presso la Provo High School. L'evento inizia alle 19. I biglietti per gli adulti costano 5 online o 7 in biblioteca.
  • La prossima riunione del Consiglio scolastico sarà una sessione di studio e una riunione di lavoro martedì 13 febbraio. Le sessioni di studio si tengono nell'Aula 1 dell'Ufficio distrettuale, mentre le riunioni di lavoro si svolgono nel Centro di sviluppo professionale. Entrambe le riunioni sono aperte al pubblico e i commenti del pubblico sono benvenuti alla riunione di lavoro. La sessione di studio inizierà alle 16.00 e la riunione di lavoro alle 19.00.
  • Giovedì 15 febbraio alle 18.00 presso la Sunset View Elementary si terrà una serata informativa sul Camp Big Springs per tutti i genitori degli alunni di quinta elementare del distretto scolastico di Provo.
  • I colloqui con i genitori proseguono questo mese con le scuole superiori il 15 febbraio e le scuole medie il 20 febbraio. Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a contattare direttamente la vostra scuola.
  • E poi, come sempre, cercate il mio video settimanale ogni venerdì. In questo breve video fornisco informazioni importanti e aggiornamenti sul lavoro che si svolge nel distretto.

La nostra ospite di oggi è Bella Leite, all'ultimo anno della Provo High School. Bella è anche la figlia di uno dei nostri presidi elementari, Jamie Davis-Leite, della Lakeview Elementary.

Oggi sono qui con Bella Leite. È all'ultimo anno della Provo High School e sono davvero entusiasta di averla come ospite nel nostro programma.

Bella: Grazie mille per avermi invitata. Sono molto felice di essere qui.

Wendy: Parlaci un po' di te, Bella. Raccontaci com'è stato il tuo percorso scolastico e cosa hai studiato e lavorato e come ti stai preparando per i prossimi passi della tua vita.

Bella: Sono all'ultimo anno della Provo High School e faccio parte del programma di immersione nella doppia lingua, il programma di immersione nella doppia lingua portoghese, fin dalla prima elementare. Così ho potuto imparare e conoscere il portoghese negli ultimi 12 anni. Sono cresciuta con padre brasiliano e madre americana. A casa parlavo portoghese quando ero molto piccola, ma alla fine la cosa si è dispersa perché c'era più influenza da parte di chi parlava inglese nella mia comunità. Il programma di immersione nella doppia lingua portoghese mi ha permesso di continuare a imparare il portoghese e di sviluppare una certa fluidità nella lingua. E sono davvero grata di aver avuto questa opportunità, perché senza di essa non sarei in grado di parlare la lingua.

Quindi sono molto appassionato di assistenza sanitaria. Penso che sia qualcosa che voglio perseguire in futuro. Sto studiando per diventare assistente medico all'MTech e spero di specializzarmi in biologia e il mio sogno è quello di poter usare sia la mia conoscenza del portoghese che la mia passione per la medicina per aiutare comunità come quelle di lingua portoghese che esistono qui negli Stati Uniti.

Wendy: Quindi vuoi diventare un medico o fare qualcosa nel campo della medicina?

Bella: Penso che il mio obiettivo finale sia quello di frequentare la facoltà di medicina.

Wendy: Ok.

Bella: Sono molto interessata anche alle neuroscienze.

Wendy: Oh, wow.

Bella: Non so esattamente cosa vorrei perseguire, ma durante l'estate ho frequentato un corso di neuroscienze alla Brown University e mi sono interessata molto.

Wendy: Sei stato agganciato.

Bella: Sì, lo ero.

Wendy: Sì, è stato fantastico. Ok, vuoi unire questo amore per la scienza, la medicina e la sanità e aiutare le persone con la conoscenza del portoghese. Mi piace che tu abbia detto che sei cresciuta con il portoghese parlato in casa, perché penso che a volte, almeno quando sono cresciuta io, se si cresceva con un'altra lingua parlata, non lo dicevamo a nessuno. Quindi, ora abbiamo un atteggiamento molto diverso al riguardo. Parli portoghese con tua madre? Con i tuoi fratelli? Come, beh, com'è la situazione? Parlami un po' di questo.

Bella: Sì. Innanzitutto, vorrei riconoscere che abbiamo accettato coloro che parlano una lingua diversa a casa. È davvero sorprendente che, come nel programma di immersione nella doppia lingua portoghese, abbiamo molti studenti che sono trilingue con lo spagnolo. E penso che sia fantastico che ora stiamo iniziando a riconoscere maggiormente questi studenti.

Wendy: Non potrei essere più d'accordo. Penso che sia fantastico. Dobbiamo vederlo come. Non come una cosa da superare, ma come una cosa da celebrare. Questo ti dà un sacco di vantaggi. Ad esempio, il fatto di connettersi con persone in tutto il Paese e in tutto il mondo, giusto? È sicuramente un vantaggio.

Bella: E l'altra domanda: io parlo portoghese, probabilmente soprattutto a scuola, e interagisco soprattutto con la mia famiglia in inglese. Ma quando andiamo a trovare la famiglia allargata in Brasile, parliamo sempre in portoghese. Sicuramente uso il portoghese come lingua segreta con i miei fratelli.

Me lo chiedevo anch'io. Sarebbe stata la mia prossima domanda. Ok.

Bella: Sì, ad esempio se sono al telefono con mio padre o mia madre, inizio a parlare in portoghese per mantenere la privacy. Ma è sicuramente qualcosa di bello che mi piace usare con la mia famiglia.

Wendy: È fantastico. Stai alludendo a un progetto a cui stai lavorando, quindi parlaci un po' di questo progetto e di come combina ciò che ti appassiona con la tua conoscenza del portoghese.

Bella: Sì, sono una scout. Ho iniziato a frequentare gli scout quando ero in quarta elementare e gli scout permettono di completare un progetto e creare una differenza sostenibile nella comunità. Hanno il premio d'oro e puoi sviluppare un progetto su qualsiasi cosa ti appassioni. Ho sempre saputo di volerlo fare fin da piccola. E stavo facendo ricerche su diverse cose che avrei voluto discutere o affrontare. Allo stesso tempo, i miei genitori stavano divorziando e ho visto in prima persona, all'interno della mia famiglia e della famiglia allargata, l'impatto della violenza domestica e degli abusi da parte dei partner. Così ho cominciato a prendere coscienza di questo aspetto e ho iniziato a fare più ricerche e a capire che era qualcosa di cui volevo occuparmi. Con il tempo ho imparato che l'educazione e la sensibilizzazione sono il primo passo per creare un cambiamento sostenibile.

Sapevo quindi che avrei voluto fare qualcosa per quanto riguarda l'istruzione e il programma di studi. Grazie al mio legame con il programma di immersione nella doppia lingua portoghese e ai miei legami con il coordinatore del programma di portoghese, ho deciso di fare un programma di studi in portoghese sulla violenza domestica sia negli Stati Uniti che in Brasile. La violenza domestica è particolarmente diffusa in Brasile a causa della cultura e della mascolinità tossica, che in portoghese si chiama machismo, e che è molto diffusa.

Wendy: Voglio dire, stai condividendo un enorme pezzo di te stessa in questo progetto. Com'è il processo quando stai attraversando qualcosa e pensi: "Lo trasformerò in qualcosa che aiuterà gli altri"? Parlami di come funziona questo processo di pensiero e di come ti ha aiutato.

Bella: Quando i miei genitori stavano divorziando, ero decisamente nel pieno di questa situazione e la vedevo come un deficit. È solo un male e io volevo solo la famiglia ideale, ma col tempo mi sono resa conto di aver acquisito molta conoscenza e forza da quell'esperienza e questo è diventato quasi il mio superpotere e posso entrare in empatia con le persone che si trovano in situazioni simili. O anche solo con persone che hanno problemi in generale. Credo che mi abbia permesso di avere più empatia ed è questo che mi ha spinto a voler aiutare le persone e a contribuire alla mia comunità, perché so che le nostre lotte possono ispirare altre persone a fare la differenza nelle loro vite.

Wendy: Assolutamente sì. Parlami di questo programma di studio. Come fate a educare? Qual è il modo migliore per educare qualcuno alla violenza domestica, perché è un argomento difficile. Colpisce molti individui e a volte, quando si tratta di un argomento difficile, lo evitiamo. Facciamo finta che non succeda. Come avete fatto a costruirlo e a pensare a come poterlo aiutare?

Bella: Ho capito che si tratta di un argomento maturo e che dovrebbe essere applicato a un pubblico maturo, ma è anche importante implementare queste idee e insegnare queste cose quando le persone sono giovani, come la neuroplasticità. Quando si è più giovani si imparano le cose più velocemente e si incarnano le esperienze. Per questo ho pensato che la scuola superiore sarebbe stata una buona fascia di età per gli studenti, in modo che potessero affrontare questi argomenti in modo maturo, ma anche senza sviluppare cattive abitudini.

Wendy: Ed è quando le persone iniziano ad avere relazioni, giusto?

Bella: Sì.

Wendy: E quindi, a volte, diventano piuttosto seri. E questo è utile. Così possono imparare abbastanza velocemente. Ad esempio, ecco alcuni segnali di allarme. Questo è ciò che, questo è ciò che devi tenere d'occhio. Ok, continua. Ti ho interrotto.

Bella: No, va bene così. Il programma di studi è suddiviso in cinque settimane e tratta una parte o un aspetto diverso della violenza domestica. La prima settimana è molto elementare e riguarda i diversi tipi di violenza o di abuso, poi la seconda settimana si sposta sui segnali d'allarme, come hai detto tu, e la parte successiva consiste nel raggiungere le diverse organizzazioni e istituzioni che proteggono le vittime e una parte significativa è rappresentata dal fatto che gli studenti cercano di sviluppare un progetto di servizio, contattando le organizzazioni che si occupano di violenza domestica e vedendo di cosa hanno bisogno per poi creare un servizio,

Wendy: quasi più consapevolezza, giusto? Perché se non sono in contatto con quelle organizzazioni, allora sto solo imparando superficialmente. Ma se posso effettivamente vedere e sentire l'impatto, allora la situazione cambia.

Bella: Si'. Mm hmm. E sicuramente permette agli studenti di diventare consapevoli di ciò di cui la loro comunità ha bisogno in questo momento e quindi saranno più disposti a essere consapevoli di queste cose, come hai detto tu.

Wendy: Uno dei tuoi insegnanti ti ha descritto come uno degli studenti più empatici che avessero mai incontrato, il che credo sia una dichiarazione incredibile. Non solo hanno detto che eri brillante, ma anche che eri empatico e che a volte è difficile ottenere questa combinazione negli individui, non solo nei giovani. Voglio dire, anche in un adulto, ma parlami un po' di come le tue esperienze ti hanno aiutato ad aiutare gli altri o ti hanno aiutato a entrare in contatto con altre persone e a sostenerle.

Bella: Penso che senza le esperienze che ho avuto non avrei mai voluto portare avanti un progetto come questo e cercare di fare la differenza per quanto riguarda la violenza domestica. Credo che queste esperienze mi permettano di entrare in contatto con chi ha lottato, e molti miei amici e coetanei sono disposti a parlare e a essere vulnerabili con me, e possiamo trarre reciproco beneficio da questa vulnerabilità, sapendo che entrambi stiamo cercando di guarire insieme, e credo che questo mi abbia permesso di creare legami più profondi nelle mie relazioni, ma anche di creare qualcosa che possa aiutare le persone nella mia comunità.

Wendy: Una delle cose di cui avete parlato è come state cercando di mettere in contatto le persone attraverso questo programma di studio con risorse e organizzazioni. Quindi, se il programma di studi è in portoghese, mettete in contatto le persone portoghesi con le organizzazioni qui negli Stati Uniti, oppure vi rivolgete specificamente alle persone, ad esempio in Brasile, e le mettete in contatto con le organizzazioni lì? Oppure è una combinazione? Mi dica, mi parli un po' di questo processo.

Bella: Sì. Il programma è stato realizzato in portoghese, ma ho incluso le traduzioni per coloro che lo visualizzano sul mio sito web, e non fornisce risorse specifiche in un determinato luogo, ma invita gli studenti a ricercare le organizzazioni nella loro zona. Questo programma è in corso di attuazione in Massachusetts e in Florida, e indica agli studenti di ricercare le organizzazioni e le istituzioni della loro zona che possono sostenere le vittime. Ma ho anche parlato più diffusamente delle diverse leggi che proteggono le vittime. Ad esempio, la legge sulla violenza contro le donne negli Stati Uniti e la legge Maria Pena in Brasile.

Wendy: E per chi non lo sapesse, ci parli di questi due atti e di ciò che fanno.

Bella: Sì, Maria da Pena era una donna brasiliana e all'epoca c'erano pochissime leggi o protezioni per le donne che subivano violenza in una relazione di intimità; credo che sia stata fulminata e che sia rimasta paralizzata e credo che nel corso di dieci anni abbia lottato per far approvare questa legge, che ora è stata attuata da una decina d'anni, ma che sicuramente protegge le donne in Brasile e che è molto simile alla legge sulla violenza contro le donne. È passata una decina d'anni e protegge le donne in situazioni di violenza domestica, come lo stalking, ed è specificamente orientata alle donne in queste situazioni.

Wendy: E mi risulta che una legislazione di questo tipo sia stata concepita specificamente per proteggere le donne che hanno una relazione, perché a volte, quando erano in queste relazioni, c'era ben poco che potessero fare, come se fossero sposate, e allora si diceva: "Beh, no, non c'è protezione per te in questo caso particolare perché state insieme". Quindi non ci occuperemo di questo. Quindi ora si tratta di affermare che no, non lo tolleriamo, a prescindere dalla situazione, e di fornire alle donne le risorse e l'aiuto di cui hanno bisogno.

Bella: Sì, è vero che è decisamente orientato alla violenza domestica e all'abuso da parte del partner intimo che non viene affrontato così tanto perché si ha una relazione stabile.

Wendy: Parlami un po' del perché hai deciso di fare questo lavoro in portoghese. È stato solo perché sei appassionato della lingua? Oppure, voglio dire, hai accennato un po' a questo, ma esploralo un po' di più.

Bella: Sì, sicuramente il portoghese, essendo qualcosa che mi appassiona ed essendo una delle mie prime lingue, era qualcosa che inizialmente mi attirava e volevo migliorare la mia conoscenza, ma anche riconoscere quanto fosse pervasivo questo problema della violenza domestica nella mia famiglia e nel mio Paese e proprio nella cultura brasiliana e nelle diverse aspettative implicite che vengono date dai genitori e dalla famiglia e dalla società in generale.

Perciò ho visto che questo problema è più diffuso nel mio lato brasiliano della famiglia, ma l'ho anche riconosciuto. C'è anche una parte della cultura di mia madre che perpetua questo problema. Quindi credo che fosse importante per me poter affrontare il Brasile e gli Stati Uniti allo stesso tempo. E con l'immersione nella doppia lingua portoghese, ci sono studenti americani che vivono negli Stati Uniti e che allo stesso tempo possono esplorare la cultura brasiliana. Così sono riuscita a combinare le due cose in un programma di studio coesivo.

Wendy: E lei ha detto che in Massachusetts e in Florida stanno usando questo programma di studio. Ci parli un po' di questo. Come è successo? È una cosa molto eccitante, quindi raccontaci un po'.

Bella: Sì, ci sono programmi di immersione nella lingua portoghese in Massachusetts e in Florida. In questi due Stati le popolazioni di lingua portoghese sono molto numerose. Ho lavorato con Silvia Juhas, che è la coordinatrice dei programmi di studio per lo Utah, e lei è riuscita a contattarli, abbiamo lavorato insieme e loro erano davvero entusiasti di usare il programma di studio. È fantastico.

Wendy: Quindi viene usato con gli studenti delle scuole superiori?

Bella: Sì, al liceo.

Wendy: Ok, questo ha senso. Qual è stato il più grande risultato di questo progetto? Che cosa diresti, forse che è stata una sorpresa, come se non pensassi che avresti ottenuto questo risultato dal progetto che hai fatto?

Bella: Sì, non mi ero assolutamente resa conto che sarei guarita così tanto durante questo progetto. Sono riuscita a riconciliare il mio rapporto con il Brasile. Sentivo una sorta di distacco dalla mia cultura anche solo per il fatto di vivere negli Stati Uniti. Ho smesso di parlare il portoghese in giovane età e non mi sentivo davvero connessa alla mia cultura. Sono riuscita a rivendicare il fatto di essere brasiliana-americana, ma sono stata in grado di sviluppare una nuova connessione con il Brasile e con gli Stati Uniti e di affrontare le cose dannose, ma anche di riconoscere le cose belle della cultura.

Wendy: Quindi non hai permesso che questa cosa macchiasse la tua visione di un'intera società, sai, ovviamente la stai guardando e dici che ci sono ancora enormi aspetti positivi che stanno venendo fuori da questo, e questo è un problema che pervade un sacco di culture diverse e un sacco di famiglie diverse, non solo in Brasile, ma è qualcosa in cui puoi fornire un aiuto lì. Mi dica un po' quali sono i suoi progetti dopo il diploma alla Provo High School.

Bella: Sì. Ho fatto domanda allo Smith College e ho scoperto di essere stata accettata, ed è sicuramente il college dei miei sogni. Si trova nel Massachusetts, è una scuola per sole ragazze e hanno un programma di biologia e un programma di portoghese straordinari. E questo è uno dei motivi principali per cui ho scelto Smith. Quindi sono davvero entusiasta di trasferirmi in Massachusetts. Sarà sicuramente un'avventura. Sarà sicuramente un'avventura.

Wendy: Ho visto tua madre postare sui social media delle cose al riguardo perché era così eccitata per te. E tutta la tua famiglia ha una felpa dello Smith College adesso?

Bella: Sì, è così.

Wendy: Ok, bene. Hai un bel bagaglio. Ok...

Bella: Siamo andati a visitare il campus un anno fa e io e mia madre abbiamo sentito subito un senso di pace e di calma. Era un ambiente molto sicuro e perfetto. Quindi sono davvero entusiasta. Penso che sarà un posto fantastico per me.

Wendy: Bene. Tua madre ha postato una cosa interessante. Volevo chiederti di questo, che quando si fanno i requisiti di educazione generale, si può progettare il proprio programma in base alla propria specializzazione e ai propri interessi. Parlami un po' di questo e di come pensi che il tuo amore per il portoghese possa adattarsi a questo. Cosa ti aspetti?

Bella: Sì, hanno un curriculum aperto e sono solo, credo che lo Smith College sia una delle nove università negli Stati Uniti ad avere un curriculum aperto, il che significa che non ci sono corsi generali. Devi solo soddisfare i requisiti per la tua specializzazione. Quindi voglio assolutamente che sia la biologia che il portoghese siano una parte importante del mio programma. Richiedono anche un corso di inglese, e a me piace molto scrivere in inglese, e penso che la conoscenza e la scrittura siano un modo per rivendicare il proprio potere. Quindi penso che l'inglese, la biologia e il portoghese saranno le cose principali su cui mi concentrerò e che mi daranno molti vantaggi in futuro.

Wendy: Quindi sarebbe possibile frequentare dei corsi una tantum? Ad esempio, se avessi un interesse per l'astronomia e volessi seguire un corso lì. Ti permettono di farlo o deve essere un corso molto mirato?

Bella: Credo che si debbano solo soddisfare i requisiti per la propria specializzazione, ma permettono di avere molto spazio per provare cose nuove, soprattutto per coloro che non sanno esattamente in cosa vogliono specializzarsi e sono in grado di sperimentare e seguire un solo corso, come hai detto tu, e vedere se gli piace. È una cosa che vorrei assolutamente fare, perché ho notato che ho molte passioni diverse. Ad esempio, mi piace molto anche scrivere. Quindi penso che poter esplorare e sperimentare mi permetterà di sentirmi più sicura di ciò che voglio diventare.

Bella: Sembra che tu sia una persona che ama davvero imparare, qualunque cosa sia. E posso dire che i tuoi occhi si illuminano quando parli di quello che sei riuscita a fare. È davvero emozionante vederlo. Qual è stata la cosa che hai imparato su di te, sia che si tratti della domanda di ammissione a scuola o di questo progetto in cui sei stata coinvolta? Che cosa hai imparato su di te?

Bella: Ho scritto un saggio per una borsa di studio sui miei valori, spiegando come le mie esperienze hanno influenzato i valori che ho e ho capito che i miei tre valori principali sono la curiosità, l'empatia e il duro lavoro. E sicuramente ho visto come questi tre valori hanno sviluppato la mia personalità e il modo in cui voglio mostrarmi e presentarmi al mondo. Posso vedere ogni aspetto in tutto ciò che faccio e il progetto, la scuola e tutto il resto hanno dimostrato che sono una persona che lavora sodo, che ama imparare e che vuole aiutare gli altri.

Wendy: Beh, e credo che la cosa più bella quando parli di curiosità sia che si abbina molto bene all'empatia, perché essere curiosi significa fare domande e cercare di non dare un giudizio di valore. Sto solo cercando di capire, ma sei in grado di capire perché hai empatia per gli altri e puoi metterti nei loro panni.

Bella: Sì, queste due cose sono sicuramente molto legate. E cerco sempre di ricordare che non voglio avere alcun preconcetto, ma solo essere empatica e curiosa nei confronti di chi mi circonda.

Wendy: È davvero potente quando si possono ascoltare e comprendere le esperienze vissute dagli altri. Se passassimo più tempo a pensarci, potremmo davvero trovarci sulla stessa lunghezza d'onda e scoprire che abbiamo molto in comune. Quindi, sì. Che cosa spaventa di più tua madre quando vai a scuola? Pensavo che avrebbe fatto le valigie e si sarebbe trasferita con te.

Bella: Ha detto tante volte che Smith è il più figo e che vorrebbe venire a vivere nel dormitorio con me. Um,

Forse no.

Bella: Si'.

Wendy: Anche se tua madre è piuttosto forte.

Bella: Quindi sì, sarebbe una coinquilina divertente. Penso solo alla distanza. Penso al fatto di non poterci vedere tutti i giorni. Spero davvero che potremo chiamarci spesso al telefono e che lei possa venire a trovarmi e che io possa tornare nello Utah, ma credo che la distanza sarà difficile. So che si sentiva molto bene con Smith e che si sarebbe presa cura di me. Hanno molte risorse ed è molto simile a una comunità di sorelle che vogliono che tutti siano al sicuro e si sentano a casa. Quindi pensa che sarà un posto fantastico per me, ma sarà difficile non essere così vicina.

Wendy: Assolutamente sì. In questo momento, riconoscendo che non hai ancora deciso tutte le cose che vuoi fare, ma quale sarebbe un esempio di lavoro da sogno che ti piacerebbe avere e che ti sembra racchiudere i tuoi valori e le tue passioni?

Bella: Direi che fin da piccola sono sempre stata ossessionata dalla scienza, quindi credo che la medicina sia qualcosa che alimenta l'amore per la scienza che ho, e mi piace molto guardare gli interventi chirurgici. Lo faccio nel tempo libero.

Non voglio nemmeno saperlo.

Bella: Mi piace molto guardare gli interventi chirurgici, quindi qualcosa che abbia a che fare con questo e magari con le neuroscienze, ma dire che voglio diventare un neurochirurgo sembra una follia.

No, non è vero. Penso che sia fantastico.

Bella: Penso sicuramente che sia una cosa che mi appassiona e mi interessa molto. E poi vorrei anche essere in grado di usare il portoghese in un luogo con una grande popolazione di lingua portoghese come il Massachusetts ed essere in grado di servire quei pazienti. Ho un grande amore per la letteratura e non so come rimarrà nella mia vita, ma credo che sarò sempre un'appassionata di poesia e di libri per il resto della mia vita.

Wendy: E va bene così. Voglio dire, sarà fantastico. Qualsiasi cosa sia, il mondo ti porterà qualsiasi cosa e tu ci farai grandi cose. Posso già dire che

Bella: Grazie mille.

Wendy: No, è stato un piacere venire a trovarti. Grazie per aver condiviso ed essere stata vulnerabile, per esserti aperta e per aver condiviso la tua storia con noi e hai fatto un lavoro incredibile. È notevole. Ti auguro tutta la fortuna possibile per finire il tuo ultimo anno e andare a Smith. Sarà fantastico.

Bella: Grazie mille. Mi sono divertita molto a parlare con voi.

Wendy: Grazie a tutti per esservi uniti a me per l'episodio di questa settimana di What's Up with the Soup. Come sempre, tutti gli episodi saranno pubblicati su Spotify, YouTube e sul sito web del distretto.

Se avete argomenti o domande che vorreste venissero discusse nel podcast, scriveteci all'indirizzo podcast@provo.edu.

Vi invito a unirvi a noi anche la prossima settimana, quando incontreremo alcuni membri della Centennial Middle School per parlare del loro nuovo programma di volontariato per genitori e di come ha aiutato gli studenti della Centennial.

Fino ad allora, buona settimana a tutti.

Shauna Sprunger
  • Coordinatore delle comunicazioni
  • Shauna Sprunger
0 Condivisioni
it_ITItaliano