salta la navigazione

In un mondo in cui la ricerca della conoscenza e della crescita personale è un faro di speranza, in qualche modo trascuriamo l'immenso impatto che gli educatori hanno sulle nostre vite. L'educazione trascende l'istruzione; trasforma la visione del mondo e plasma il nostro futuro comune. 

Questa serie è una celebrazione della gratitudine, una raccolta di saggi e interviste dedicate agli insegnanti che hanno lasciato un segno indelebile nei loro studenti. Incontreremo gli studenti dell'ultimo anno delle nostre tre scuole superiori, chiedendo loro di rispondere alle seguenti domande:

Ora che avete terminato la scuola nel nostro distretto, ripensate ai vostri anni scolastici, dall'asilo all'ultimo anno. Riuscite a individuare un insegnante che ha fatto davvero la differenza in qualche aspetto della vostra vita, accademica o personale? Che cosa vi ha insegnato su voi stessi? Cosa vorreste dire loro?

Nelle prossime tre settimane ospiteremo le interviste delle scuole, ma per oggi iniziamo la serie con il mio saggio pubblicato qui sotto, che esprime un profondo ringraziamento all'insegnante di inglese della Provo High School Arthur Ricci, ormai in pensione, la cui dedizione, saggezza e guida hanno acceso la mia passione per le parole per tutta la vita. 

Vi invitiamo inoltre a unirvi a noi per celebrare gli eroi che silenziosamente plasmano il mondo, una lezione alla volta. Inviate un'e-mail a newsubmissions@provo.edu con le vostre lettere o i vostri saggi agli insegnanti e all'amministrazione, oppure inviate il vostro video a ProvoCitySchoolDistrict su Facebook, Instagram o YouTube.

-----

Prima di iniziare a insegnare, mi sono chiesta come far decollare la mia carriera in un attimo, quali corsi avrebbero potuto elevare il mio curriculum o rafforzare il mio legame con gli studenti, quale memoria avrei potuto estrarre o quali qualità avrei potuto copiare. 

Quindi, ho ricominciato dal punto di partenza con l'insegnante che mi ha aiutato a navigare nelle acque agitate dell'adolescenza, portandomi alla carriera educativa. Ho iniziato con la sua classe. Ammetto di aver cercato di rubare qualche qualità ineffabile, ma per quanto ricordassi i contenuti, ricordavo come mi facevi sentire, come mi facevi sentire visto.

Eravate presenti durante le ore di ufficio, con la pioggia o con il sole. Non ti aspettavi la perfezione, ma la revisione. Quando hai letto il mio primo saggio critico, hai cercato di superare la ciccia e hai fissato una tesi solida, chiedendo una rielaborazione. Hai preparato saggi sulla teoria critica in base ai romanzi verso cui gravitavo. Mi hai prestato romanzi sulla lettura critica prima che dimostrassi una qualche capacità o attitudine per l'inglese. 

Poi, quando sono stato bocciato in Storia, mi hai offerto un periodo di aiuto per studiare. Quando ho abbandonato la lezione, mi hai fatto chiamare da un compagno di classe in vivavoce e mi hai lasciato un messaggio vocale di scherno.

Ricordo tutto questo. 

Ricordo anche i tuoi suggerimenti di nicchia sugli slasher che io e la mia fidanzata di allora, ora moglie, dovevamo vedere al cinema. Quando ci sorprendevi al cinema a guardare un film su tuo suggerimento, sussurravi dietro una mano a coppa che "Silver Linings Playbook ha uno spettacolo in ritardo - probabilmente potreste prenderlo se camminate all'indietro attraverso l'atrio - ma non l'avete saputo da me". 

Ricordo anche che invitavi regolarmente la nostra classe a vedere le opere teatrali locali che stavamo leggendo per ottenere crediti extra, e quando alla fine ti chiesi se potevi aiutarmi a procurarmi i biglietti per uno spettacolo, ci facesti avere dei posti in prima fila accanto a te e ai tuoi figli - e poi, quando un'attrice mi trascinò sul palco come parte dello spettacolo, sentii la tua risata fragorosa mentre l'attrice mi trascinava con la faccia rossa sul palco.

Mi sono ricordato anche di quello che hai detto allora: "Sapevo che ti avrebbero portato sul palco da dove mi ero seduto - la tua scena ha semplicemente reso lo spettacolo per me". 

Mi hai prestato copie personali di romanzi di Mailer che ho dimenticato di restituire, nonostante i tuoi numerosi rimproveri e le tue richieste irritate. Ho ancora una copia che dovrei restituire, ma non lo farò.

Quando ho terminato il saggio finale della mia carriera liceale, ricordo le correzioni, ma ricordo anche le sue lodi successive, che commentavano che il mio saggio era degno di essere pubblicato in qualsiasi università.

Ricordo che mi hai chiesto di condividere il mio lavoro con i miei genitori. Non avevo mai condiviso nulla di ciò che avevo scritto con i miei genitori, ma lo feci. Non mi ero mai sentita orgogliosa di qualcosa nella mia vita fino a quel momento.

Al Ricci, insegnante di inglese. 

Lei è stato il mio insegnante preferito, non per i discorsi da scrivania e da libro di testo di Dead Poets Society, ma perché era lì per osservare, e si aspettava qualcosa da ciò che vedeva in me, perché sapeva e si aspettava un pezzo degno costantemente e inevitabilmente come punto di arrivo, perché si chiedeva sempre come fossero andati i miei fine settimana e quali fossero i miei film preferiti e come stesse la mia ragazza, la sua continua attenzione che punteggiava e misurava il mio tempo nella sua classe, perché le importava e continuava a importarle. 

Oggi ci si aspetta che gli insegnanti siano degli eroi. 

Ci si aspetta che gli insegnanti siano insegnanti, eroi e creatori di contenuti, giudiziosi ma imparziali, romantici ma pragmatici, ed è impossibile ridurre una qualsiasi di queste etichette a un ideale realistico, eppure tu sei stato eroico, per me. 

Non hai una vista laser che trafigge i cuori o capacità psioniche di lettura della mente, ma semplicemente ascolti e vedi i bambini come sono e come possono diventare, e cerchi di far sì che i bambini si vedano come li vedi tu. Questo era il tuo superpotere. 

So che lei ha fatto lo stesso per tutti i suoi studenti. Non era nelle parole che dicevate, ma nel modo in cui percepivate i vostri studenti, nel modo in cui agivate dentro e fuori la classe con coerenza rispetto alle vostre percezioni.

I vostri studenti ricordano. Io ricordo.

Lo sforzo erculeo di riconoscere l'anima in ognuno degli oltre mille adolescenti ambivalenti che entrano ed escono dalla vostra porta non può essere descritto in modo eloquente. È stato fatto in mille modi, è stato misurato in un passo perpetuo che si muove senza abbellimenti, ed è stato ogni giorno. Ho imparato che sono i gesti di buona volontà di ogni giorno che fanno crescere le anime. Grazie di tutto, signor Ricci.

Spencer Tuinei
  • Specialista della comunicazione
  • Spencer Tuinei
0 Condivisioni

Oltre al Mese della Storia Nera, febbraio è un momento in cui il nostro distretto celebra la carriera e la tecnica...

it_ITItaliano