salta la navigazione

In occasione dei 50 anni dalla guerra del Vietnam, il colonnello Jay Hess, il colonnello Bill Spencer e il capitano Lynn Beens, prigionieri di guerra, raccontano le storie vere della loro prigionia. Ricordano la loro esperienza ai ragazzi di seconda e terza media della Dixon Middle School.

Il colonnello Jay Hess, pilota di 37 caccia, ha trascorso sei anni come prigioniero in Vietnam. Il suo atto di servizio consisteva nel creare un momento difficile per far arrivare i rifornimenti nel Vietnam meridionale smantellando i ponti. Nell'agosto del 1967 guidò un bombardiere F-105 a bassa quota per sganciare sei bombe su una ferrovia al confine con la Cina, quando vennero colpiti da un grosso proiettile e il velivolo andò in testacoda finché la cabina di pilotaggio non cadde in fiamme. Fu insegnato loro a stare seduti e ad espellersi dal velivolo, ma Hess non ne ebbe il tempo e si espulse in velocità. In seguito fu catturato e usato per la propaganda. La milizia vietnamita li chiamava "pirati dell'aria", sostenendo che prendevano di mira solo donne e bambini.

Il colonnello Bill Spencer, comandante del caccia F-4 Phantom, era in volo il 16 aprile 1972 per una missione di bombardamento di serbatoi di petrolio in Vietnam alle 9:40 del mattino. Quattro unità navali volarono "in centro" a Ben Hai. Dopo un arresto dei bombardamenti dal 1968 al 1972 a causa di un ordine del Presidente Johnson, i prigionieri di guerra non sentirono alcun bombardamento o azione da parte degli Stati Uniti per quattro anni fino a quel giorno, per cui sapevano di essere ancora lì a combattere.

Spencer ha trascorso nove mesi da prigioniero, pari a un anno scolastico senza ricreazione. Racconta che il trattamento era terribile a causa del fatto di essere un prigioniero in un Paese povero. L'unica fonte di cibo era il cavolo rapa e la zucca, ma tutti erano addestrati a mangiare qualsiasi cosa venisse data.

Il capitano Lynn Beens è stato prigioniero per 99 giorni. Era di stanza a Guam dove ha compiuto 55 missioni di lancio di bombe. Il navigatore radar del B-52 era in missione notturna di 16 ore con un equipaggio di sei persone per bombardare l'impianto ferroviario al fine di dimostrare al nemico che "non avremmo mollato". Arrivarono sul bersaglio alle 5 del mattino, quando i missili nemici scossero il velivolo e fecero saltare la coda. Beens iniziò a cadere a terra e svenne. Dopo la cattura fu inviato ad Hanoi, dove fu costretto a rilasciare una dichiarazione. Elencò il suo nome, il grado, il numero di matricola, la data di nascita e aggiunse: "Sono stato abbattuto e sto bene". Il messaggio fu pubblicato in tutto il mondo e sul Sacramento Bee. Sua moglie vide l'articolo e poté confermare che era un prigioniero di guerra.

I ragazzi di seconda e terza media che hanno partecipato all'evento parteciperanno ai viaggi di storia a Boston e a Washington la prossima estate. I viaggi sono stati avviati da Jarod Sites come un'opportunità per studiare la storia della capitale del nostro Paese. Agli studenti sono stati assegnati compiti di ricerca, libri da leggere e personaggi famosi da studiare per prepararsi al viaggio.

Melissa Calvillo
  • Melissa Calvillo
130 Condivisioni
it_ITItaliano