salta la navigazione

L'accumulo di capacità di scrittura richiede pazienza; si tratta di uno strato dopo l'altro, che avanza fino a diventare uno scrittore più completo, a tutto tondo. 

È un principio fondamentale che tutti i grandi insegnanti seguono, ed è un'analogia che ben si adatta all'eccellente insegnante di quinta elementare di Spring Creek, Jessica Kempter. Durante la nostra visita, la Kempter ha iniziato a costruire le competenze verso la padronanza del curriculum attraverso la "scrittura a palla di neve", un'attività di scrittura collaborativa e inclusiva da cui tutti gli studenti possono esercitarsi e crescere. E per i genitori che desiderano sviluppare le competenze fondamentali di scrittura a casa in modo divertente e interattivo, restate nei paraggi: abbiamo un procedimento in cinque fasi per voi.

Che cos'è la scrittura a palla di neve?

La scrittura a palla di neve è un'attività di gruppo in cui gli studenti creano una storia insieme, aggiungendo a turno frasi o sezioni. Per una classe di quinta elementare è un ottimo modo per migliorare le capacità di scrittura. Utilizzando un prompt visivo come un video o un'immagine, gli studenti scrivono liberamente un racconto per dieci minuti, stabilendo i personaggi, l'ambientazione e il conflitto. Alla fine dei dieci minuti, gli studenti appallottolano il loro foglio (trasformandolo in una palla di neve) e lo lanciano verso la parte anteriore dell'aula. Da lì, gli studenti recuperano una nuova palla di neve, srotolano e leggono le storie dei loro compagni e scrivono dal centro della loro unica storia. L'obiettivo è far coincidere il tono e la posta in gioco, lasciando spazio al finale. Da lì, gli studenti si risciacquano e ripetono, raccogliendo l'ultima palla di neve e scrivendo così la conclusione di una terza storia.

È una pratica inclusiva e collaborativa che insegna agli studenti a descrivere l'ambiente e lo spazio usando dettagli sensoriali, a creare personaggi, a mettere in sequenza gli eventi, a sviluppare una trama e a riconoscere il tono. Inoltre, insegna agli studenti come strutturare una storia con un chiaro inizio, una parte centrale e una fine. 

Kempter si è dimostrato un insegnante esperto, rivedendo le istruzioni, l'obiettivo di apprendimento e una dichiarazione "Posso" prima della pratica. Per chi non ha dimestichezza, gli obiettivi di apprendimento e le affermazioni "Io posso" sono obiettivi concisi e facili da raggiungere per gli studenti, che indicano ciò che gli studenti possono aspettarsi di imparare o di realizzare durante una lezione o un'unità, ed è dimostrato che favoriscono un apprendimento profondo. Ha preparato in anticipo una postazione con supporti linguistici (iPad con strumenti di traduzione) per gli studenti multilingue e ha visitato questi ultimi durante l'attività di scrittura.

Gli studenti hanno ricevuto la loro richiesta visiva: un golem di pietra seduto accanto a un bambino con una tunica di seta vicino a una cascata lussureggiante. È affascinante, date un'occhiata:

Gli studenti sussurrano per un momento, affascinati dall'immagine. 

"Ho già tutta la storia in testa", ha sussurrato un ragazzo.

"Non scrivere l'intera storia", gli ha ricordato Kempter, "sviluppa solo la parte iniziale!".

Kempter ha continuato a sollecitare gli studenti e a rispondere alle domande, scrivendo alla lavagna alcune parole comunemente richieste come aiuto per l'ortografia: parole come golem, cascata e viaggio.

Gli studenti hanno chiuso le presentazioni e Kempter ha guidato gli studenti per sezione a lanciare le loro palle di neve: una buona tecnica di gestione della classe, se volete provarla con la vostra classe. 

Gli studenti hanno poi avuto dieci secondi per prendere una nuova storia. Dopo aver ricevuto la loro storia, Kempter ha aiutato a distribuire ai compagni multilingue storie scritte in lingue parzialmente diverse. Ha continuato a suggerire: che stagione è? Perché i due personaggi parlano? Qual è il conflitto?

Gli studenti hanno continuato prima di lanciare nuovamente le loro palle di neve, scrivere una conclusione e chiudere l'attività.

Le loro storie sono incredibilmente affascinanti. Ecco due esempi di racconti di sei studenti (con alcune modifiche da parte del nostro dipartimento):

—————-

C'era una volta una bellissima cascata in una bella foresta dove viveva una bestia gentile che amava fare amicizia, soprattutto con gli umani. Un giorno, una bambina si perse nella foresta. Si chiamava Lilly e la bestia si chiamava Golem.

Ma il fatto è che il Golem non aveva mai ricevuto visite, quindi all'inizio, quando il Golem vide Lilly, rimase sorpreso.

"Finalmente qualcuno è venuto a trovarmi! È un piacere conoscerti. Come ti chiami?"

Il gigante aveva tante domande per Lilly e la sua voce risuonava lontano.

(Lo studente ha esaurito il tempo a disposizione, il che va bene! Tutti gli scrittori possono capirlo! Abbiamo adorato questa storia).

—————-

Un giorno, un ragazzo di nome Layn stava attraversando la foresta. Poi vide una grande statua di roccia. Si arrampicò sulla statua finché questa non iniziò a muoversi e lui si spaventò molto. Ma la statua parlò e disse: "Ciao, come ti chiami?".

"Io sono Layn. Come ti chiami?"

"Io sono Hunter", disse il gigante.

"Cosa sei?"

"Sono un gigante della roccia. Non vogliamo essere scoperti, quindi ci comportiamo come statue".

Parlarono per ore. Poi fu notte.

"Dovremmo andare a letto", disse il gigante. 

Entrambi sono andati a letto. 

Ma la mattina dopo c'erano uomini armati. Rimasero fermi. Quando gli uomini non guardavano, li attaccavano. Corsero per ore e ore e dormirono di notte. Poi trovarono una casa: una grotta dietro una cascata.

(Che è presumibilmente ciò che rappresenta la richiesta visiva: una sorta di modo divertente e circolare per tornare all'inizio, con la loro richiesta).

Come potete vedere, i ragazzi si sono divertiti. E, come insegnante, è un modo prezioso per misurare le capacità specifiche degli studenti; alcuni hanno scritto caratterizzazioni interessanti ma hanno avuto problemi con la meccanica, mentre altri hanno capito la meccanica ma hanno avuto problemi a mettere in sequenza le loro storie. Nel complesso, ogni studente ha vissuto un'autentica esperienza di scrittura, una delle tante durante il periodo trascorso al Provo City School District.

Ringraziamo Jessica Kempter per averci permesso di visitarla; l'arredamento della sua classe è adorabile (guardate il nostro filmato per vedere la decorazione a tema Snoopy) e la ringraziamo per tutto ciò che fa per i suoi studenti. È chiaro che ci tiene molto e che fa un lavoro eccellente.

Se siete genitori, provatelo! Potete seguire il cinque semplici passi in questo articolo per insegnanti.

E per chi fosse interessato, ecco solo alcune copertine standard di Snowball Writing:

Lettura: Letteratura Standard 7

Analizzare il modo in cui gli elementi visivi e multimediali contribuiscono al significato, al tono o alla bellezza di un testo (ad esempio, graphic novel, presentazione multimediale di un racconto, di una fiaba, di un mito, di una poesia).

Scrittura Standard 3

Scrivere racconti per sviluppare esperienze o eventi reali o immaginari utilizzando tecniche efficaci, dettagli descrittivi e chiare sequenze di eventi.

a. Orientare il lettore stabilendo una situazione e introducendo un narratore e dei personaggi; organizzare una sequenza di eventi che si svolga in modo naturale.

b. Utilizzare tecniche narrative, come il dialogo, la descrizione e il ritmo, per sviluppare esperienze ed eventi o mostrare le risposte dei personaggi alle situazioni.

c. Utilizzare una serie di parole, frasi e clausole di transizione per gestire la sequenza degli eventi.

d. Usare parole e frasi concrete e dettagli sensoriali per trasmettere con precisione esperienze ed eventi.

e. Fornire una conclusione che derivi dalle esperienze o dagli eventi narrati.

Spencer Tuinei
  • Specialista della comunicazione
  • Spencer Tuinei
0 Condivisioni
it_ITItaliano