salta la navigazione

Gli insegnanti e gli specialisti del Provo City School District sono i nostri innovatori. Sono innovatori, accompagnatori e custodi. La Fondazione del Distretto scolastico di Provo City vuole riconoscere e sostenere i loro sforzi per rendere le nostre scuole un posto migliore.

La Fondazione assegna ogni anno delle mini sovvenzioni agli insegnanti distrettuali meritevoli. Per ricevere la sovvenzione, gli insegnanti devono presentare una domanda di due pagine che illustri il loro concetto di progetto innovativo per la loro classe o scuola. Dopo aver ricevuto la domanda compilata, il Comitato di selezione della Fondazione del Distretto scolastico di Provo sceglie i destinatari delle mini sovvenzioni per l'anno.

È un processo che non è richiesto agli insegnanti, ma ogni anno molti fanno il passo più lungo della gamba per i loro studenti.

Quest'anno parleremo con alcuni insegnanti che hanno ricevuto mini sovvenzioni per chiedere loro quali sono i bisogni percepiti dalla loro classe, il prodotto della loro mini sovvenzione, l'impatto in classe della loro mini sovvenzione e, infine, i consigli per gli insegnanti nuovi e in difficoltà su come possono differenziare ed estendere l'apprendimento nelle loro classi.

Questa settimana abbiamo parlato con la specialista dei media della Provost Elementary, Kirsti Kirkland, della sua sovvenzione che sarà utilizzata per acquistare le versioni spagnole dei titoli della Battaglia dei libri e di altre letture popolari. Alcuni studenti della Provost che parlano spagnolo come lingua principale volevano partecipare alla Battaglia dei libri, ma non potevano farlo perché non avevano accesso ai libri nella loro lingua madre. È qui che entra in gioco la sua richiesta di mini sovvenzioni; con i nuovi libri, gli studenti possono partecipare a programmi come la Battaglia dei libri che incoraggiano l'alfabetizzazione e il cameratismo tra studenti. Leggete la nostra conversazione qui sotto per saperne di più sull'effetto della sua mini sovvenzione e sui suoi consigli per altri nuovi insegnanti che vogliono estendere o differenziare l'apprendimento nelle loro classi.

____________

D: Qual è stato il problema della classe o dove avete percepito un bisogno?

R: Qui abbiamo molti studenti multilingue e alcuni sono nuovi e non parlano inglese. Qualche tempo fa, stavo iniziando il programma della Battaglia dei libri e molti studenti multilingue sono venuti da me a chiedermi se potevano partecipare. Ho iniziato a raccogliere i libri in spagnolo e loro si sono uniti alla battaglia dei libri. 

Volevo che la mini sovvenzione fosse preparata per l'anno prossimo e che tutti i titoli della Battaglia dei libri fossero in spagnolo. Ho anche parlato con gli insegnanti di prima media e ho chiesto quali titoli i loro ragazzi stavano leggendo nei club del libro. In questo modo, gli studenti multilingue potranno utilizzare la versione inglese e quella spagnola fianco a fianco. 

D: Che tipo di impatto ha sui ragazzi l'avere lo stesso testo da leggere degli altri?

R: Molti di questi bambini leggono molto bene in spagnolo, ma hanno difficoltà a leggere il testo in inglese. Avere la possibilità di leggere gli stessi libri degli altri bambini dà loro la possibilità di sentirsi davvero a loro agio. Parlando con loro, si capisce che vogliono davvero inserirsi, ma non sanno come. Questo è un sistema integrato in cui, se riusciamo a includerli, fanno parte di qualcosa. 

D: Quali consigli darebbe ai nuovi insegnanti che vogliono estendere l'apprendimento in classe come ha fatto lei?

R: Notate innanzitutto le esigenze. Osservate i vostri studenti e vedete cosa leggono e cosa non leggono. Osservate chi partecipa e chi no. Quali programmi state svolgendo e tutti possono partecipare? O ci sono barriere che impediscono ad alcuni di partecipare? Parlate con i vostri studenti e scoprite cosa vogliono.

Alexander Glaves
  • Specialista in Social Media/Marketing
  • Alexander Glaves
0 Condivisioni

Ieri sera, la Fondazione del Distretto scolastico della città di Provo ha ospitato l'annuale Serata dell'Eccellenza, per...

it_ITItaliano